prosciutto cotto piemonte _ cedis
Distribuzione Salumi ed Insaccati

Riconoscere un prosciutto cotto di qualità

Il prosciutto cotto rimane uno dei salumi più apprezzati e più venduti specie tra i bambini. Dopo tutto il panino col prosciutto è diventato col passare del tempo un classico per i ragazzini che si recano a scuola e che vogliono consumare un pasto veloce, nutriente e saporito durante la ricreazione.

Il prosciutto cotto è molto apprezzato anche tra gli sportivi o per chi segue un certo regime alimentare atto a diminuire i grassi e aumentare le proteine. Vista la sua diffusione quindi è importante sapere come riconoscere un buon prosciutto cotto per non incappare in prosciutti dalle scarse qualità nutritive realizzati con avanzi del maiale e farciti per lo più di conservanti, lattosio e sale. Vediamo subito quali sono i consigli da seguire per scegliere un buon prosciutto senza troppe difficoltà.

Quando ci si avvicina al banco del salumiere come si fa a riconoscere un prosciutto di qualità da quello che lo è un po’ di meno? Il semplice prezzo a rialzo o a ribasso non è sempre un valore attendibile su cui fare affidamento al 100%: non è detto che il prosciutto cotto che costa di più sia necessariamente migliore degli altri. Prima di tutto dubitate di quei prosciutti eccessivamente compatti e dal colore rosa completamente uniforme. Per quale motivo?

Bisogna capire come è composto il prosciutto cotto. Un buon prosciutto è costituito dalla coscia fresca costituita a sua volta da 3 diverse fibre muscolari di diversa consistenza. Si va da una fibra più dura e più consistente di un colore rosa molto più scuro ad altre due fibre più morbide e più soffici della prima. Di conseguenza un prosciutto cotto buono è quello che fa trasparire queste qualità nella sua materia prima: un buon prosciutto cotto avrà dunque 3 tonalità di rosa, da quelle più scure a quelle più chiare. In altre parole per riconoscere un buon prosciutto cotto bisogna fare attenzione alle tonalità di rosa della carne che presenterà zone di un rosa più intenso e zone con un rosa meno intenso. Non fatevi ingannare quindi dal fatto che un prodotto più compatto e colorito sia per forza il prosciutto migliore.

Tra l’altro, un prosciutto dal colore completamente uniforme sta ad indicare che contiene troppa salamoia: l’acqua e il sale penetrando nella carne hanno uniformato fin troppo la carne del salume distruggendone le fibre muscolari e rendendole quindi tutte uguali e di un unico colore.